Ministero della pubblica amministrazione

logo

Logo
 

 

 

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "Carlo Amore"

                            

Lunedì 15 novembre 2021, la “Maga Saraghina” ha fatto visita al nostro Istituto. In occasione della VIIedizione del progetto Libriamoci, promosso dal Ministero della Pubblica Istruzione, è stata organizzata dalla professoressa Mariausilia Cicero, responsabile del progetto, una conferenza che ha visto ospite la scrittrice siciliana Evelina Barone, autrice del libro “La maga Saraghina”, sull’origine mitologica della città di Ispica, a cui hanno preso parte gli alunni delle classi terze, sia in presenza che online. L’evento, molto interessante, ha offerto pure lo spunto ai giovani ascoltatori per riflettere sulla scelta futura della scuola superiore, infatti dal dibattito, scaturito dopo la lettura di alcune pagine, la scrittrice ha raccontato la sua esperienza lavorativa e di come la sua passione di scrivere si sia trasformata nella sua professione.

I fondatori di città sono sempre stati figure maschili, eroi eponimi. Nel caso della città di Spaccaforno, la leggenda, riportata da Serafino Amabile Guastella e in seguito dal Pitrè, attribuisce la fondazione alla maga Saraghina: una misteriosa figura femminile, giunta dall’Oriente, in possesso dell’arte della stregoneria, che trasmette alle donne di Spaccaforno. Seguendo il fascino della suggestione popolare, si è cercato di liberare l’appellativo di “maga” da ogni riferimento alla “strega”, così come accade nella tradizione. La maga diviene l’astronoma, la medichessa e, andando ancora più indietro nel tempo, sacerdotessa di Ecate e di Demetra, quindi conoscitrice della natura e dei suoi cicli. La Saraghina, seguendo le indicazioni degli astri, parte così dall’Oriente insieme ad Ulisse e approda in Sicilia, a Punta Ciriga. Qui, Ecate e le ninfe di Demetra la introdurranno ai misteri della natura e all’uso curativo delle piante. Si recherà dunque a Cava d’Ispica, nel luogo designato dalle Pleiadi per la fondazione di una nuova città. Saranno le donne ad avvicinarsi alla straniera e ad apprendere da lei le arti mediche. Così le “majare” di Spaccaforno diventano, piuttosto, medichesse. Alla fine della sua vita, la Saraghina verrà sepolta vicino al luogo in cui era sbarcata, difronte all’Oriente da cui era giunta, affinchè continui a fare da ponte tra Oriente e Occidente, tra la sapienza del Cielo e quella della Terra.

  • incontro_ev_barone_01
  • incontro_ev_barone_02_com
  • incontro_ev_barone_04_com
  • incontro_ev_barone_05
  • incontro_ev_barone_06
  • incontro_ev_barone_07_com
  • incontro_ev_barone_08_com
  • incontro_ev_barone_11_com
  • incontro_ev_barone_12
  • incontro_ev_barone_16
  • incontro_ev_barone_17
  • incontro_ev_barone_18

In primo piano

URP

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "Carlo Amore"
Piazza Carmelo Ottaviano - 97010 Frigintini - Modica (RG)
Tel: 0932774033
Fax: 09321856094
PEO: rgic810007@istruzione.it
PEC: rgic810007@pec.istruzione.it
Cod. Mecc. rgic810007
Cod. Fisc. 90012230885
Fatt. Elett. UFZ25M